Elaborazione di testi e DTP

From Scribus Wiki
Revision as of 23:54, 17 March 2012 by Alevati (Talk | contribs)

(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

Altre lingue: English, Français

Introduzione

Molte persone usano programmi per ufficio come Microsoft Office™ o OpenOffice.org. Ma può accadere che a un certo punto non siano più soddisfatte dalle capacità del loro elaboratore di testi preferito. Ad esempio, potrebbero non riuscire a rifinire un layout esattamente come desiderano, o hanno idee che sono proprio irrealizzabili. O quella rivista acquistata in edicola ha un aspetto veramente professionale, che manca al loro lavoro.

Così, queste persone vanno in cerca di altre applicazioni. E trovano applicazioni professionali di desktop publishing come QuarkXPress, Indesign o Scribus. E quest'ultimo ha un grande vantaggio: è open source: quindi, perché non provarlo? Dopo averlo scaricato, installato e aperto per la prima volta, un utente abituato ai normali elaboratori di testo si trova seduto davanti al suo monitor, disorientato come un coniglio al cospetto di un serpente. Non sa cosa fare; tutto appare strano e fuori posto; perché non può semplicemente cominciare a digitare il testo nel suo documento?

Dopo un po', frustrato, l'utente disinstalla Scribus e torna al suo vecchio, familiare elaboratore di testi, accettando le sue limitazioni e i suoi svantaggi.

Principali differenze

  • Un'applicazione di desktop publishing non è fatta per la creazione di testo; almeno se si sta parlando di una grande quantità di testo (cioè molte pagine). Per questo scopo è meglio usare un elaboratore di testo o un semplice editor di testo (con o senza markup). Quando il testo è pronto, può essere caricato nell'applicazione DTP: qui soltanto piccole modifiche vengono apportate al testo. Questa separazione ha origine dalla divisione delle responsabilità nell'editoria professionale: una persona crea il testo, e un'altra si occupa dell'impaginazione.
  • La maggior parte delle applicazioni DTP moderne sono basate su riquadri o cornici. Ciò significa che tutto il contenuto di ciascuna pagina è collocato all'interno di cornici, che possono essere posizionate o dimensionate con grande accuratezza. Il contenuto può consistere in testo, immagini, disegni, e qualunque altra cosa l'autore voglia inserire nella pagina. Il testo contenuto in una cornice può proseguire in un'altra.
    Si potrebbe ribattere che anche gli elaboratori di testo hanno "caselle di testo", e che è possibile importare immagini o grafici in un documento di testo. Ma se si tenta di posizionare con precisione un oggetto o ruotarlo, ridimensionare, aumentare o diminuire la risoluzione di un'immagine, si scoprono velocemente le limitazioni di queste funzionalità. Spesso può essere difficile impedire a un oggetto di spostarsi da solo mentre si aggiunge altro contenuto al documento.
  • Quando il testo è stato inserito in una cornice di testo, lo si può manipolare con un elevato grado di precisione. Un elaboratore di testi potrebbe permettere di impostare le dimensioni a 6, 7, 8, 9, 10... punti, ma con Scribus la precisione arriva a decimi di punto. Perché questo è così importante? Perché permette di adattare una data quantità di testo a un'area di una data dimensione. Ad esempio, si potrebbe far coincidere la larghezza di una parola con quella di un elemento grafico sottostante.
    Scribus offre anche la capacità di modificare l'estensione orizzontale o verticale di un certo tipo di carattere, di impostare con precisione l'interlinea (anche in questo caso fino ai decimi di punto) e la spaziatura tra le lettere (crenatura). Il desktop publishing fornisce quindi un controllo completo sul posizionamento dei caratteri nel testo, e permette così di adattare perfettamente il testo a un data forma, sia essa rettangolare o di altro tipo. Questo è l'esempio di una situazione in cui un controllo preciso della misura e della spaziatura dei caratteri è assolutamente necessario. È possibile far scorrere il testo intorno alle immagini (oppure no: provate a farlo in un normale elaboratore di testi! Ma può essere una caratteristica desiderabile nel DTP), sovrapporre immagini al testo o viceversa, e creare la separazione del colore per la stampa.
  • Nelle applicazioni DTP, la tavolozza contiene solo qualche decina di colori. Se si vogliono utilizzare altri colori, li si deve definire manualmente. Il motivo è che nella stampa offset professionale questi colori aggiunti sono considerati colori spot, e ciò può essere indesiderabile.
    Il desktop publishing permette inoltre di applicare la trasparenza a immagini, elementi grafici, testo e qualunque altra cosa si trovi sulla pagina.
  • Si possono definire le cosiddette pagine mastro. Se una pagina normale usa una certa pagina mastro come base, tutti gli elementi della pagina mastro saranno presenti nella pagina normale. Ad esempio, in una rivista, certi elementi come intestazioni, pié di pagina, numeri di pagina, loghi, struttura della pagina, si ripetono in modo simile su ciascuna pagina; tuttavia vi sono differenze tra pagine destre e pagine sinistre. In un dato documento si possono definire più pagine mastro; un documento grande potrebbe averne molte.

Cosa un'applicazione DTP non può fare

  • Un'applicazione DTP serve a creare l'impaginazione di un documento; il suo scopo non è quello di strutturare un testo. Potrebbe non essere in grado di costruire un sommario o un indice, o ad aggiungere note a piè di pagina. Scribus 1.3.x può creare un sommario.
  • In generale può essere difficile collegare un'applicazione DTP con fonti di dati esterne, come database. In Scribus è possibile farlo con il plugin per script in Python.

Vantaggi delle applicazioni DTP

  • Assoluto controllo dell'impaginazione. Le applicazioni DTP non modificano automaticamente le cornici per adattarle al testo o alle caratteristiche della stampante. Invece, deve essere l'utente a disporre il testo o a impostare la stampante nel modo corretto.
  • Il testo può essere disposto intorno a forme irregolari.
  • Linee guida, margini e righelli facilitano l'esatta e precisa disposizione delle cornici.
  • Output professionale. C'è bisogno di output in formato PDF, Postscript, o per una di quelle enormi macchine per la stampa offset? Con un'applicazione DTP si può ottenere tutto ciò che serve.

Primi passi con Scribus

  • Visitate il sito principale di Scribus, esplorate il wiki di Scribus e la mailing list. Assicuratevi di avere compreso i concetti fondamentali su Scribus e su come funziona, e i requisiti di installazione (Linux, Windows, MacOSX).
    Se avete domande, leggete la mailing list; potreste trovare già la risposta, oppure potete iscrivervi e porre la vostra richiesta: la mailing list esiste proprio per questo. Scribus ora è disponibile per ogni versione di Linux, Windows (2000 e successive) e MacOS.
  • La maggior parte di ciò che serve per l'installazione si trova nel sito di Scribus, ma alcuni elementi (come Ghostscript) devono essere scaricati e installati separatamente prima di Scribus. Tutto ciò è spiegato nel sito di Scribus, nelle pagine sui requisiti per l'installazione.
  • Leggete il tutorial sul wiki, "Get Started With Scribus", e le pagine della serie "Lavorare con...". Può essere una buona idea leggerle anche prima di installare Scribus: in questo modo è possibile capire in dettaglio come si usa Scribus e quali capacità ha. Non è un elaboratore di testi, e quindi non funziona come un elaboratore di testi.
  • Probabilmente non è una buona idea tentare di usare Scribus per la prima volta quando si deve completare un lavoro importante con una scadenza vicina (ad esempio, domani mattina). Anche coloro che hanno un po' di esperienza di desktop publishing potrebbero trovarsi in difficoltà in una tale situazione (e probabilmente saprebbero che è meglio evitarla).