Spazio bianco

From Scribus Wiki
Jump to: navigation, search

Lo spazio bianco, nel contesto della progettazione grafica e dell'impaginazione, è lo spazio "vuoto" sulla pagina, quello che non contiene testo, immagini, né altri elementi. A volte si dice che la progettazione grafica consiste principalmente nel gestire lo spazio bianco, nell'usare questo spazio in modo attento e abile, e vi sono design che contengono quasi soltanto spazio bianco.

Alcune funzioni dello spazio bianco sono:

  • guidare l'occhio nella pagina. Potreste pensare che sia il contenuto a farlo, ma immaginate una pagina completamente riempita di contenuto: potrebbe apparire ingombra, disordinata e priva di organizzazione: dove si posa l'occhio quando inizia a guardarla, e dove va poi? Lo spazio bianco può aiutare il lettore a organizzare mentalmente ciò che c'è sulla pagina.
  • stabilire un tono emotivo. Di solito lo spazio bianco, per sua stessa natura, ha un effetto calmante, ma quando un lettore può guardare una pagina e avere subito un'idea del suo argomento, e spostarsi da un elemento all'altro in modo logico, la mente si calma. Inoltre il lettore probabilmente dedicherà più tempo al contenuto, invece che andare subito ad occuparsi di qualcos'altro.

Non dimenticate che tutto questo avviene in gran parte, se non completamente, a livello inconscio. La mente reagisce quasi subito all'aspetto grafico, e può ricavarne molto rapidamente un'impressione positiva o negativa, anche prima di afferrare alcunché del contenuto. Spesso si vedono pagine che si affidano a immagini che fanno schizzare gli occhi dalle orbite, a colori brillanti, elementi disposti in modo sconnesso e disallineato. È legittimo usare uno stile grafico vivace, dinamico e perfino aggressivo; ma va fatto con giudizio. Come mostrato dagli esempi in questa pagina, a volte gli elementi che involontariamente catturano l'attenzione non hanno nulla a che fare con il contenuto che vogliamo offrire al lettore.

Ora mostreremo qualche esempio tratto da altre parti del wiki, principalmente dalle Success stories, per illustrare alcuni modi di usare lo spazio bianco.

Esempio 1

Questo è un contributo di Hans-Josef Heck. Questa copertina ha un design che colpisce, per l'uso di colori forti e di abbondante spazio bianco. Il cerchio rosso è accuratamente dimensionato e posizionato per controbilanciare il testo nell'angolo opposto dello spazio rettangolare. In questo modo il cerchio rosso attrae l'occhio, ma non distrae dal testo, che consiste del nome dell'autore e del titolo, e lo spazio bianco aiuta ad ottenere l'effetto voluto.
Cover.jpg

Esempio 2

Questa pagina, proposta da Julian Robbins, ci fa vedere subito che lo spazio bianco non deve necessariamente essere bianco. Il colore grigio dello sfondo serve allo scopo e ha un effetto visivo più calmante rispetto al bianco. Anche il logo aziendale, essendo una variazione del colore di sfondo, potrebbe essere considerato parte dello spazio bianco.

Anche senza leggere i paragrafi di testo, abbiamo l'impressione che questa sia un'azienda calma e composta (e quindi affidabile), ma le immagini piccole mostrano che c'è complessità in ciò che fa. Infine, l'immagine in basso, con la sua inclinazione, e il fascio ritorto di cavi evitano che la pagina abbia un aspetto rigido e inquadrato. Il risultato è molto piacevole per la vista (e la mente).

Q-par1.png

Esempio 3

Questa copertina proposta da Ludi ci fa capire ancora meglio che lo spazio bianco non è necessariamente bianco. Non si capisce se si tratta di un'immagine elaborata con strumenti digitali o di un disegno, ma non importa, poiché è lo sfondo e non il contenuto.

Qui vediamo inoltre che una grafica può contenere colori forti senza essere sgargiante o chiassosa; i colori sono smorzati e il contrasto è più che sufficiente per distinguere il testo e gli altri elementi importanti.

Zero.jpg

Esempio 4

Qui torniamo all'uso del bianco, e vediamo che, a differenza di molte brochure aziendali, Cedric Sagne ne ha realizzata una con un aspetto leggero e arioso, con cospicui spazi bianchi intorno al titolo, all'immagine, e anche intorno ai singoli paragrafi e alle righe di testo. Se questa pagina fosse completamente piena, sarebbe molto meno probabile che venisse effettivamente letta. Csagne success story1.png


Torna.png Torna alla pagina iniziale - Torna al sommario